I segreti della divisione: un percorso FlipClass

divisionPeriodo di studio, sperimentazione, dubbi e nuove sfide. Sto seguendo un corso online sulla Flipped Learning – curato dal Centro Formazione Erickson – e, oltre allo studio e la possibilità di provare nuovi software e nuove prassi, alla fine di ogni modulo è necessario svolgere un compito per sondare quanto abbiamo metabolizzato i contenuti trasmessi e accolto le sfide messe in atto.  Il primo compito che ho svolto è stato quello da me già pubblicato sul blog sulle progressioni aritmetiche di Fibonacci, in cui era richiesto di costruire una webquest su un particolare argomento. Come secondo compito invece ci è stato richiesto – dopo aver visionato i materiali, le risorse e gli esempi didattici presenti in piattaforma e relativi ai tre percorsi proposti di Learning Cycle delle 5 E, Problem Based Learning e Peer Learning –  di strutturate un’attività di Flipped Lesson scegliendo uno dei tre percorsi indicati. Io ho deciso di ideare una lezione secondo il modello del Learning Cycle (di cui ho scritto in precedenza).

La mia lezione è stata pensata per una classe seconda di scuola primaria; la disciplina di riferimento è matematica; l’argomento è presentare il concetto di divisione. Ho strutturato la lezione seguendo un preciso schema e cercando di spiegare come avrei lavorato. Ecco il mio lavoro: Una Learning Cycle sul concetto di divisione

Il terzo compito invece consisteva nel creare un percorso su Blendspace (clicca qui per saperne di più) o una piattaforma simile. Io ho pensato un percorso multimediale di contenuti di vario tipo (alcuni già presenti online e altri creati e caricati da me) sviluppando la lezione sulla divisione. Ecco il mio percorso I SEGRETI DELLA DIVISIONE.

A proposito di Michela Secchi

Insegnante di scuola primaria di ruolo da diversi anni a Cagliari. Ho scelto di essere maestra per continuare a fare ciò che ho sempre amato: studiare, creare, giocare e insegnare con il sorriso. Credo nella collaborazione, negli scambi e nella ricerca.

Guarda tutti i post di Michela Secchi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *