Matematicando in classe terza (6). Sottrazione, moltiplicazione e calcolo veloce

Tiriamo un po’ le somme… il primo quadrimestre è ormai giunto al termine e ci apprestiamo alla somministrazione delle prove per competenze su quanto appreso in questi mesi. Nel mio Istituto si lavora per classi parallele e si progettano prove per competenze in base ai percorsi sviluppati nel tempo e tenendo come riferimento gli obiettivi stabiliti nella programmazione annuale. Per quanto riguarda le prove di matematica (ma ho messo lo zampino anche in quelle di scienze e tecnologia) mi sono occupata personalmente della elaborazione ma anche della predisposizione delle rubric di valutazione. Trovo che questo lavoro sia molto stimolante, soprattutto quando lavori con colleghe che ti consentono di avere ottimi spunti di riflessione e nuove idee. Quest’anno ho avuto la fortuna di trovare una collega di matematica e scienze davvero strepitosa e devo dire che le riunioni insieme diventano sempre fonte di grande ispirazione.

Tornando al lavoro avviato in questi mesi… vorrei raccontarvi un po’ il mio diario di bordo relativo agli argomenti proposti e all’organizzazione delle attività. Dopo aver affrontato l’addizione, ripassando quanto già appreso in seconda e scoprendo tutte le proprietà e le strategie di calcolo, siamo passati al ripasso della sottrazione. Sì è trattato semplicemente di riaffrontare nuovamente insieme il concetto di sottrazione (attraverso attività e giochi mirati basati sulla manipolazione di materiale strutturato e non) e fare il resoconto di quanto appreso sul nostro quaderno. Si è quindi proceduto a lavorare attraverso situazioni problematiche mirate e affrontare il calcolo in colonna con il migliaio. Si è lavorato senza grandi intoppi stimolando sempre la curiosità e il ragionamento. In queste settimane non abbiamo ovviamente trascurato l’addizione, sempre rimasta presente anche attraverso giochi molto amati dai bambini (i quadrati magici ad esempio). Ecco alcune pagine direttamente dai nostri quaderni:

Anche per la moltiplicazione abbiamo proceduto allo stesso modo: manipolazione diretta di quantità, situazioni problematiche e punto della situazione sul significato di moltiplicazione. Le tabelline, ripasso costante e interrogazioni dall’inizio dell’anno, sono state utili per affrontare il ripasso della moltiplicazione in colonna a una cifra al moltiplicatore (fatte in seconda) e per lavorare sulle strategie di calcolo veloce attraverso la metabolizzazione di proprietà più o meno già incontrate e applicate. Il discorso delle proprietà a mio avviso dev’essere affrontato con l’idea che molti bambini già le applicano spontaneamente perché utili. Proprio per questo motivo le abbiamo scoperte insieme e solo dopo siamo giunti alla vera formulazione della regola. I bambini si sono così resi conto che le proprietà sono comode e utili da applicare proprio per venirci incontro in situazioni di calcolo orale e veloce. Insieme abbiamo anche scoperto com’è facile moltiplicare x 10, x 100 e x 1000 (con la possibilità di andare oltre) e attraverso i B.A.M. abbiamo anche visto cosa accade alle quantità prese in considerazione. Ci siamo sbizzarriti nei calcoli e nei giochi più disparati e alla fine siamo arrivati alla moltiplicazione a due cifre al moltiplicatore. Anche in questo caso abbiamo fatto delle ipotesi a partire da quanto già appreso con quella a una cifra. Siamo giunti insieme a scoprirne l’algoritmo di calcolo e a individuare il procedimento per poter risolverle con semplicità. In questa fase ho preferito lasciare la libertà di utilizzare strumenti compensativi per le tabelline in modo che i bambini potessero concentrarsi solo sul procedimento di calcolo. Ovviamente non tutti hanno sentito la necessità di usare tabelle della moltiplicazione o strumenti d’aiuto.

Ecco alcune pagine dai nostri quaderni:

Durante questa settimana che ci attende ci occuperemo ancora di calcolo veloce e verrà avviato il percorso che ci porterà dritti dritti verso la divisione in colonna. In serbo c’è un interessante laboratorio sulle misure… trasversale alla divisione 😉 Ma questa è un’altra storia.

Ecco la lezione LIM che ho appena preparato e che utilizzerò durante la mia lezione di ripasso delle strategie di calcolo. Ovviamente questo tipo di attività è molto amata dai miei alunni che mi chiedono sempre di poter continuare all’infinito.

Nella prima parte si tratta di riempire gli spazi vuoti utilizzando strategie di calcolo che non costringono ad andare in colonna ma a sfruttare ad esempio il valore posizionale delle cifre, le proprietà e i trucchi del 10, 100 e 1000 approfonditi con la moltiplicazione. Poi propongo un quadrato magico con chiave 30. Indico in rosso i numeri tassativi e sotto i quadrati grigi (sfruttando la funzione Gratta&Vinci della LIM) sono celati i numeri corretti per risolvere il quadrato. La risoluzione verrà effettuata nel quaderno di ognuno e poi chiamerò alla LIM i bambini che dovranno proporre il numero da inserire. Se grattando dovesse venire fuori il numero giusto allora potranno grattare anche fuori dal quadrato esattamente sopra il numero trovato e scoprire un personaggio misterioso. Chi per primo trova Numerello (la faccina indicata nella consegna blu) vince! PS: per chi non lo sapesse Numerello è un personaggio che ho inventato quando erano in prima e ogni tanto ritorna per farci sorridere e per proporre nuovi giochi! Devo dire che è sempre acclamato con grande affetto 😉

A proposito di Michela Secchi

Guarda tutti i post di Michela Secchi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *