Matematicando in classe terza. (9) Mucca dei desideri e uova di dinosauro: consolidiamo grafici e diagrammi

Da circa due mesi ho avviato nella mia classe un percorso di token economy per stimolare buoni comportamenti e la collaborazione di gruppo. Aiutandomi con un pannello in sughero e delle puntine da disegno, ogni giorno i bambini che si sono distinti per buon comportamento, collaborazione coi compagni e impegno procedono in avanti verso l’obiettivo del fine settimana: il primo posto in classifica. I bambini infatti che il venerdì si trovano primi in classifica possono partecipare al gioco “La mucca dei desideri”. Di cosa si tratta? Ho portato da casa mia una mucca-salvadanaio di legno acquistata anni fa in Germania e l’ho riciclata per questa attività. “Bambini, vi presento la mucca dei desideri! Lei conterrà i vostri desideri da realizzare a scuola. Scegliamo tre cose che vi piacerebbe fare a scuola insieme ai compagni, a fine settimana chi è riuscito a piazzarsi nel primo posto in classifica potrà scrivere in un foglietto il desiderio che vorrebbe vedere realizzato e inserirlo nella mucca. Dopo un mese apriremo la mucca e faremo il conteggio delle preferenze espresse: il desiderio che avrà ottenuto più preferenze verrà esaudito!” Ovviamente tutti entrano in fibrillazione e avanzato richieste assurde… quindi devo riportare la calma e chieder loro di focalizzare l’attenzione su cose possibili e da fare insieme. La scelta dei desideri cade di comune accordo tra: 1. Fare una ricreazione più lunga; 2. Fare una merenda in giardino; 3. Vedere un film tutti insieme. Ovviamente il venerdì sono in tanti a finire primi in classifica e la mucca non tarda a riempirsi. Tutti riescono nel giro di un mese ad esprimere almeno una volta un desiderio.

Finalmente è arrivato il giorno dell’apertura della mucca. Ma non mi fermo qui perché ho deciso di unire l’utile al dilettevole e fare di questo momento un qualcosa di “matematicamente interessante”. Non paga della mia prima idee ne sforno subito un’altra. Infatti la settimana scorsa ho ordinato su Amazon una confezione di 30 uova di dinosauro che si schiudono in acqua. Vista la loro passione per i dinosauri (fatti anche in storia poco tempo fa) ho deciso di far loro un regalino… così dopo il rientro dalla mensa li ho chiamati ad uno ad uno alla cattedra muniti di bicchiere in plastica e fatto scegliere un uovo a testa. Ogni uovo è stato sistemato dentro un bicchiere di plastica riempito d’acqua e messo in un banco affinché, con il tempo, si schiudessero le uova. Nel frattempo abbiamo fatto il nostro dopo mensa e poi siamo andati in palestra… mentre i piccoli di dinosauro si preparavano a nascere nell’attesa generale. 

Rientrati dalla palestra le uova erano quasi schiuse ma abbiamo aspettato. Prima abbiamo deciso di aprire la pancia della mucca ed estrarre tutti i desideri. Aperti i foglietti sono stati sistemati in tre ciotoline distinte per desiderio espresso. Poi ho impostato il lavoro alla LIM ricordando quanto già fatto in seconda. “Quando abbiamo la necessità di raccogliere i dati possiamo aiutarci con i grafici matematici che si usano anche in statistica. Lo scorso anno li abbiamo usati per raccogliere le preferenze dei gusti di gelato ad esempio o dei passatempo preferiti da ognuno di voi. Di grafici ce ne sono tanti e diversi… e il loro utilizzo dev’essere in base alle necessità. Per tirare le somme e raccontare le nostre preferenze potrei decidere di farvi scrivere delle frasi ma invece utilizzeremo una tabella e dei disegni a cui assegneremo dei valori. Sarà molto semplice e divertente“. Vado alla LIM e mostro il lavoro da fare. Procediamo di pari passo, io alla LIM e loro sul quaderno. Oramai sono degli esperti nella creazione di piccole tabelle e anche dei disegni che servono per schematizzare dati o informazioni. Assegniamo a ciascun desiderio un’icona: un orologio per indicare il desiderio di fare una ricreazione più lunga; un panino per la merenda in giardino; un pacchetto di pop-corn per il film. Siccome i foglietti sono tanti assegniamo il valore di 4 ad ogni immagine. Significa che ogni 4 foglietti di un desiderio espresso corrisponderanno ad un disegno nel grafico. I foglietti che non riesco a raggruppare per 4 verranno conteggiati come pallini. Infine tireremo le somme.

Iniziamo a conteggiare i foglietti e scopriamo che solo 3 bambini hanno espresso il desiderio di fare una ricreazione più lunga. In questo caso dovremo segnare direttamente tre pallini. Conteggiando invece le scelte della merenda in giardino riusciamo a fare solo un gruppo da quattro mentre avanzano 2 pallini. Il più gettonato risulta essere il film in aula: 3 icone coi pop-corn e 3 pallini avanzati. Raccogliamo tutti i dati di volta in volta e alla fine tiriamo le somme:

Dalla pagina del quaderno di matematica di terza che condivido online con i miei alunni

Scriviamo infine tre righe riassuntive: ricreazione lunga (3); merenda in giardino (6); film in aula (15). A breve un film… ci aspetta!

Dopo la mucca arriva il turno dei dinosauri. Ogni bambino controlla la schiusa del proprio uovo e accoglie festante la creaturina! Ce sono sono di tutti i tipi a cui vengono immediatamente assegnati nomi pittoreschi. A questo punto cerchiamo di individuare le varie specie di dinosauro e raccogliamo i dati con un semplice diagramma di Carrol. Impostiamo il lavoro alla LIM e sul quaderno:

Questo tipo di diagramma ci consente di raccogliere i dati sia per quantità che per colore… e possiamo leggerli come preferiamo: “Quanti T-rex in tutto? Quanti dinosauri azzurri? Qual è il colore più presente? Qual è il dinosauro più presente?”

A proposito di Michela Secchi

Guarda tutti i post di Michela Secchi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *